ISSN 2284-0869 Rivista di Storia - Scrittura e Società

Omaggio a Dante nel 750° anno dalla nascita

Omaggio a Dante nel 750° anno dalla nascita

Questo 2015 celebra il 750° anno dalla nascita di Dante. L’ACCADEMIA DEI ROZZI’, con il ‘Club UNESCO’ di Siena, il ‘WARBURG ITALIA’, la rivista ‘PROGRESSUS’ e il “Dipartimento di Filologia e critica delle Letterature antiche  e moderne” dell’Università di Siena, organizza e offre alla Città di Siena un “Omaggio a Dante” di rilevante novità  scientifica e culturale. La conferenza avrà luogo sabato 7 novembre, nella Sala degli Specchi dell’Accedemia dei Rozzi (inizio 16,30). Via di Città 36, Siena. Moderatore Mario Ascheri (senior professor Università di Roma Tre). La prima parte avrà un’impronta prevalentemente storica, la seconda più specificamente letteraria. Nella prima, Leonardo Magionami (Università di Siena) mostrerà proiettandole e commenterà le immagini dei preziosi codici riferibili a Dante, come autore e/o come soggetto biografico, conservati presso la Biblioteca Comunale degli Intronati: un vanto senese di cui non si è sempre del tutto consapevoli. Flavio Silvestrini (Università di Roma ‘La Sapienza’), già autore di un’originale e approfondita ricerca su “Dante e la lettura politica del libero arbitrio”: Iugum libertatis, Aracne, Roma 2012) affronterà quindi, in una panoramica acuta e aggiornata, i momenti più significativi della tormentata avventura terrena di Dante sia come testimone sia talvolta anche come protagonista dei rapidi rivolgimenti politici del suo tempo. Nella seconda parte, Stefano Carrai (Università di Siena), affermato italianista, curatore tra l’altro di un’importante edizione della Vita nova, Rizzoli, Milano 2009) mostrerà e commenterà con finezza una serie di indizi che, nel testo della Commedia, comprovano una larvata presenza del suggestivo mito classico di Orfeo nel racconto del suo viaggio ultraterreno: un Orfeo, beninteso, rivisto e corretto alla luce della dottrina cristiana e sorretto dalla Grazia divina che aiuta a capire la profondità del legame – spirituale, poetico e dunque esistenziale – che unisce l’una all’altra Dante a Beatrice, la Commedia alla Vita nova. Gioachino Chiarini (senior professor Università di Siena), specialista di simbologie astrali in letteratura: I cieli del mito, Diabasis, Reggio Emilia 2005) analizzerà infine la struttura del Purgatorio dantesco, mostrandone debiti e novità in rapporto al modello del Paradiso islamico quale appare nel di recente ritrovato (nella biblioteca domenicana di Bologna) Libro della scala di Maometto nella versione latina di Bonaventura da Siena, e sottolineando la maestria di Dante nel riorganizzare l’enorme repertorio dei sempre vaghi modelli dell’Aldilà delle tradizioni occidentali e orientali in un unica e per la prima volta perfettamente organizzata ed omogenea immagine di Inferno, Purgatorio e Paradiso.   Programma   Rassegna Stampa Corriere di Siena, 26 ottobre 2015 Unisi...

continua a leggere

Online il nuovo numero di Progressus

Online il nuovo numero di Progressus

Con la fine del mese di giugno si presenta il nuovo numero della rivista Progressus, uno strumento di conoscenza storica, che ad ogni uscita si consolida di voci e contenuti nella sua veste elettronica pratica e funzionale soprattutto in una realtà scientifica di livello internazionale. Progressus, una rivista caratterizzata già nel nome dalle tre lettere esse che, quasi a distaccarsi dalla parola stessa, si fanno testimoni approfondite di temi legati alle tre parole che ne completano il titolo: logicamente la Storia, la Scrittura – intesa come fonti per la ricostruzione della memoria – e infine la Società in tutti i suoi aspetti antropologici legati ad una evoluzionepolitica, sociale e umana.Il numero di giugno del 2015, in particolare, offre un quadro di contributi approfonditi e variegati che spaziano dagli apporti riguardanti la storia tout court agli aspetti inerenti alla produzione scritta e alle sue manifestazioni specifiche non solo materiali ma soprattutto storico e sociali. Non manca, anche in questo numero, l’aspetto legato alla storia dello sport e allo studio delle istituzioni laiche o religiose che hanno prodotto testimonianze da analizzare e studiare per una vera consapevolezza euristica del passato. Tutto questo in un quadro di ampio respiro che affronta in maniera dinamica casi specifici non solo italiani aprendosi anche ad altre realtà storiche mondiali. Supportato da un comitato scientifico di ampio respiro internazionale e da una dinamica forza creativa, Progressus si offre così con il massimo rispetto della storia e con amore totale della conoscenza ai propri lettori. La redazione Numero...

continua a leggere

Presentazione nuovo libro di Aldo Cazzullo

Presentazione nuovo libro di Aldo Cazzullo

Giovedì 21 maggio, ore 18, presso la Sala delle Lupe del Comune di Siena si terrà la presentazione del nuovo libro di Aldo Cazzullo. POSSA IL MIO SANGUE SERVIREE. UOMINI E DONNE DELLA RESISTENZA Interverranno assieme all’autore Fabrizio Roncone, Corriere della Sera Guido D’Ubaldo, Ordine Nazionale dei Giornalisti L’evento è realizzato dal Gruppo Stampa Autonomo di Siena in collaborazione con Comune di Siena, Dipartimento di Filologia e Critica delle Letterature Antiche e Moderne – Università di Siena, Rivista Progressus e Banca CRAS...

continua a leggere

I Convegno Progressus “La Grande Guerra in Provincia. Comunità locali e fronte interno: fonti e studi su società e conflitto

I Convegno Progressus “La Grande Guerra in Provincia. Comunità locali e fronte interno: fonti e studi su società e conflitto

SIENA Accademia dei Rozzi 7-8 maggio 2015 Locandina Brochure Nell’approssimarsi del “centenario italiano” della Grande Guerra la rivista Progressus, in collaborazione con Centro Studi Piemontesi, Società Italiana di Storia dello Sport, Società Italiana di Storia Militare, Soprintendenze Archivistiche per il Lazio e per la Toscana, e con il patrocinio di Università di Siena, Comune di Siena e Regione Toscana, organizza il convegno di studi su “La Grande Guerra in provincia. Comunità locali e fronte interno: fonti e studi su società e conflitto”, che vuole essere l’occasione, insieme, per un bilancio ma anche per il lancio di nuove frontiere di ricerca La prima guerra mondiale, spartiacque del XX secolo, cesura tra Lungo Ottocento e Secolo Breve, Grande Guerra appunto, nata per mantenere lo status quo e destinata a cambiare in modo irreversibile la storia mondiale, continua a rappresentare uno snodo centrale della storia contemporanea. Il lungo centenario, che inizia nel 2014 per concludersi nel 2018, avrà un senso se i cento anni trascorsi saranno un’occasione, al di là di meri intenti celebrativi e ricorrentistici, per fare un punto della situazione in un momento in cui la distanza, temporale ma non solo (molti degli assetti geopolitici, ideologici, sociali a cui il conflitto dette avvio hanno ormai fatto il loro corso) intercorsa, può e deve permettere di riguardare a quegli eventi per capire cosa (tanto) della guerra è stato detto e cosa (si ritiene ugualmente tanto) della guerra rimane ancora da dire. Il centenario, dunque, come occasione per capire qual è la distanza reale che ci separa da quegli eventi, quanto di ciò che oggi siamo trova le proprie radici negli anni (se non negli eventi) che il mondo intero si accinge a ricordare. Che la guerra – fenomeno globale e non esclusivamente militare – sia stata molto di più di quella combattuta in trincea rappresenta ormai un’acquisizione storiografica su cui non è necessario soffermarsi. La definizione stessa di fronte interno rimanda del resto ad un concetto della guerra in cui nessuno, neppure chi rimane lontano dai combattimenti, può e deve ritenersi esonerato dallo sforzo comune che la contingenza bellica richiede. In questo senso anche la prima guerra mondiale fu innegabilmente esperienza totalizzante. Ed è proprio sul tema del “fronte interno” che, si ritiene, molto rimane ancora da dire. Partendo dal presupposto che la comprensione del conflitto non può e non deve limitarsi alla dimensione combattuta della guerra, nei suoi protagonisti e nei suoi territori. Ne uscirebbe infatti una visione parziale, che finirebbe per escludere tutti coloro che, pur non essendo mai entrati materialmente in contatto con il conflitto, ne pagarono ugualmente le conseguenze sul loro vissuto quotidiano, e tutti quei territori che, pur non avendo conosciuto distruzioni, invasioni, campi di battaglia, non per questo mancarono di mostrare le proprie “macerie”. Due i punti di osservazione privilegiati da cui ci si propone di approfondire il tema del fronte interno italiano. La dimensione locale (ma non per questo localistica), che indagando con una sorta di lente di ingrandimento in che modo comunità e territori affrontarono il trauma del conflitto, permetta di aggiungere le tessere ancora mancanti al grande puzzle della ricostruzione storiografica sulla Grande Guerra. Non dunque una deriva localistica – che la singola tessera del puzzle di per sé poco racconta dell’immagine complessiva – ma un’attenzione nuova a tutti quegli aspetti che fecero delle comunità...

continua a leggere

Presentazione Convegno CESH 2015

Presentazione Convegno CESH 2015

Firenze Mercoledì 15 aprile 2015 – ore 12.30 Sala Incontri, Palazzo Vecchio Conferenza Stampa Presentazione Convegno CESH 2015 Intervengono Andrea Vannucci, Assessore allo Sport Comune di Firenze Marcello Marchioni, Presidente del Centro Studi Educazione Fisica

continua a leggere

Gli studi sullo sport in Italia. Nuove prospettive di indagine e di confronto

Gli studi sullo sport in Italia. Nuove prospettive di indagine e di confronto

SIENA. Lunedi 2 marzo 2015 alle ore 11.30 presso l’Aula Magna Storica dell’Università di Siena si terrà al tavola rotonda “Gli studi sullo sport in Italia. Nuove prospettive di indagine e di confronto” organizzata dalla rivista Progressus per festeggiare il primo anno di attività scientifico-editoriale. Parteciperanno: Francesco Bonini (Rettore LUMSA), Andrea Claudio Galluzzo (Foundation for Sports History Museums), Andrea Sbardellati (Presidente Gruppo Stampa Autonomo di Siena), Vinicio Serino (Università di Siena) e Angela Teja (Presidente Società Italiana di Storia dello Sport). Presiederà l’incontro Stefano Moscadelli (Università di Siena) componente del comitato scientifico della rivista. L’evento ha riscosso il patrocino di: Comune di Siena, Università di Siena, Soprintendenza Archivistica per la Toscana, Coni Siena, Unione Nazionale Veterani dello Sport, Accademia Olimpica Nazionale Italiana, Centro Sportivo Italiano di Siena, Società Italiana di Storia dello Sport e Gruppo Stampa Autonomo di Siena. L’idea di realizzare un’iniziativa sullo sport per spegnere la prima candelina di Progressus nasce dal fatto che la storia dello sport, in tutte le sue connotazioni, è uno dei principali filoni di studio su cui la rivista ha deciso di puntare fin dalla sua nascita. Questo è stato possibile grazie al forte legame con la Società Italiana di Storia dello Sport Italiana e con l’European Committee for Sports History. La presenza di Francesco Bonini, riconosciuto come uno dei maggiori storici dello sport in Italia, è sicuramente molto importante e significativa. Anche l’adesione della SISS evidenzia come a Siena attorno alle attività di Progressus stia nascendo un polo di studi sullo sport che si sta facendo notare per la sua dinamicità nel panorama internazionale. La rivista ha creduto fin da subito che dalla sinergia con il Gruppo Stampa Autonomo di Siena potessero nascere progetti interessanti e dinamici. L’obiettivo è quello di far dialogare l’editoria scientifica con la stampa tradizionale per creare momenti di confronto e di dialogo anche all’interno dei percorsi di formazione professionale prevista per i giornalisti. Le attività di Progressus attorno allo sport però non si fermano qui, Vinicio Serino nel corso della tavola rotonda illustrerà anche il progetto riguardante il corso di perfezionamento post laurea Sport, Educazione e Scienze Umane organizzato all’interno del corso di laurea in Scienze Motorie dell’Università di Firenze. Questo nuova offerta educativa vuole porsi come punto di riferimento per soggetti laureati che puntino a crearsi una professionalità all’interno del crescente settore orbitante attorno al mondo dello sport.   Programma   Rassegna Stampa Ilcittadinoonline.it Unisi.it Sienafree.it Violanews.com Oksiena.it I-Siena.it CONI Toscana Rassegna stampa sport...

continua a leggere

Archivi in Toscana. Fare rete. Sfidare il futuro

Archivi in Toscana. Fare rete. Sfidare il futuro

29-30 gennaio 2015 “Le Murate. Progetti Arte Contemporanea” Piazza delle Murate – Firenze Due giornate di riflessione sul tema dell’organizzazione e della percezione della memoria che si prefiggono di fare il punto della situazione partendo da un bilancio del passato e cercando di delineare nuove prospettive per il futuro. Si mostreranno i risultati del lungo e convinto lavoro di tutela degli archivi sul territorio e le potenzialità di nuove strategie di valorizzazione e comunicazione. 29-30 gennaio 2015 “Le Murate. Progetti Arte Contemporanea” Piazza delle Murate – Firenze Pieghevole della giornata (scarica il pieghevole) PROGRAMMA Giovedì 29 gennaio 2015 – ore 10.00 SALUTI ISTITUZIONALI Mario Guarany, Direttore Generale per gli Archivi, MIBACT Sara Nocentini, Assessore alla Cultura e Turismo, Regione Toscana Cristina Giachi, Vicesindaco del Comune di Firenze Diana Toccafondi, Soprintendente Archivistico per la Toscana Fabio Beltram, Direttore Scuola Normale Superiore PROLUSIONE Lorenzo Casini, Università di Roma “La Sapienza” Gli archivi nella riforma dei beni culturali MAPPE, ITINERARI, RETI Presiede: Micaela Procaccia, Direzione Generale Archivi, MIBACT Tutela e valorizzazione degli archivi in Toscana: per una strategia condivisa Gian Bruno Ravenni, Regione Toscana Diana Toccafondi, Soprintendenza Archivistica per la Toscana La memoria disseminata delle imprese: come promuovere una aggregazione? Renato Delfiol, Elisabetta Bettio Cooperare per conservare la memoria: l’esperienza dell’Archivio storico di Unicoop Tirreno Enrico Mannari ore 14.30 IL TEATRO DELLA VITA Presiede: Caterina Del Vivo, Associazione Nazionale Archivistica Italiana Dal progetto “Archivi delle personalità della cultura” all’archivio Pascoli in rete. Un sistema in costante crescita: nuovi sviluppi Emilio Capannelli, Francesca Capetta Tra le problematiche degli archivi culturali: dispersione, acquisizione dei fondi e prospettive di ricomposizione Gloria Manghetti Il Centro Archivistico della Scuola Normale Superiore: luogo di aggregazione e di produzione di saperi Maddalena Taglioli Archivio d’autore: le carte di Fabrizio De André Stefano Moscadelli L’ALBERO DELLE GENERAZIONI Presiede: Carla Zarrilli, Archivio di Stato di Firenze Archivi di famiglia in Toscana: un bilancio dell’opera di tutela, descrizione, comunicazione Elisabetta Insabato Gli archivi del sociale: risultati e prospettive della tutela Gabriela Todros La città solidale: l’archivio della Misericordia di Firenze, un esempio di valorizzazione Barbara Affolter, Laura Rossi Trasmissione del sapere nelle fonti orali e audiovisive: un bilancio dell’azione di tutela in Toscana Giovanni Contini Bonacossi Venerdì 30 gennaio 2015 – ore 10.00 Presiede: Chiara Silla, Regione Toscana IL LABIRINTO DELLE ISTITUZIONI Gli archivi degli enti territoriali: dalle “Guide” alle reti documentarie Lorenzo Valgimogli Il progetto AST, Archivi Storici in Toscana Andrea Brotini Gli archivi della Regione Toscana: dalla storia al digitale Ilaria Pescini ARCHIVI NELLA RETE Presentazione del portale ARCHIVI IN TOSCANA. Il patrimonio, le istituzioni, gli eventi Sara Moscardini, Manuel Rossi, Lorenzo Valgimogli GLI ARCHIVI DEL CONTEMPORANEO TAVOLA ROTONDA Coordina: Camillo Brezzi, Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano Luisa Finocchi (Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori) Francesco Giomi (Tempo Reale) Andrea Jengo (RAI Toscana) Simone Neri Serneri (Istituto Storico della Resistenza in Toscana) Stefano Pezzato (Centro per l’arte contemporanea “L. Pecci”) Debora Rossi (La Biennale di Venezia) ore 16.30 “DA QUESTE CARTE…” Reading con musica a cura di Tempo Reale in collaborazione con Fosca Rielaborazione drammaturgica Caterina Poggesi Voci: Maria Caterina Frani e Carlo Salvador Chitarra elettrica: Andrea Gozzi Live electronics: Salvatore Miele Per informazioni e prenotazioni: FONDAZIONE PRIMO CONTI e-mail: segreteria@fondazioneprimoconti.org Tel. 055...

continua a leggere

Online il nuovo numero di Progressus

Online il nuovo numero di Progressus

È trascorso solo un anno dal primo numero di Progressus, un’avventura che coinvolge e lega un gruppo di giovani ricercatori e docenti di consolidata fama internazionale. Con costanza e passione abbiamo cercato di offrire, fin da subito, un prodotto editoriale in linea con gli standard internazionali dell’editoria scientifica. Già da questo numero abbiamo inserito alcune novità per rendere la rivista più fruibile e per proseguire il percorso di crescita iniziato nel 2013. In quest’ottica il nuovo numero della rivista offre una nuova sezione dedicata esclusivamente alla cultura scritta nelle sua accezioni più ampia e globale L’anno che si sta per concludere è stato per la rivista, per il centro studi e soprattutto per il progetto Progressus un anno ricco di impegni e di eventi culturali, tra le tante ci preme ricordare le celebrazioni per il settantesimo compleanno di Mario Ascheri. Adesso guardiamo al 2015 pensando al I Convegno Progressus, La Grande Guerra in Provincia, iniziativa che ci permetterà di approfondire aspetti poco noti del primo conflitto mondiale. È doveroso inoltre ringraziare tutte le istituzioni e associazioni che hanno creduto fin dal primo momento in Progressus offrendoci sempre il loro aiuto e sostegno. Vorremmo esprimere la nostra riconoscenza all’editore e al comitato scientifico per aver lavorato costantemente per favorire l’ingresso della rivista in uno scenario internazionale e per farle acquisire una propria autonomia. Le collaborazioni avviate e gli articoli presenti in questo numero dimostrano che il cammino intrapreso è quello giusto. Infine un saluto ai lettori e ai simpatizzanti del centro studi che sempre più numerosi seguono le nostre iniziative. La rivista prosegue il proprio cammino forte di quanto costruito in questo periodo e al tempo stesso desiderosa di nuove sfide per il futuro. La Redazione   Numero...

continua a leggere
css.php